About

Istanbul - Angelo Bucarelli Bruno Zanzottera 002 - Copia _MG_0773 Eclettico e versatile, Angelo Bucarelli è entrato nel mondo artistico romano degli inizi degli anni settanta, dividendosi tra scultura, fotografia, arte concettuale e cinema, lavorando, giovanissimo, fra l’altro, anche come assistente di Claude Lelouche e di Federico Fellini.

Nel 1978 ha avuto la sua prima personale a Roma alla Galleria Pan di Carola Barbato.

Pioniere della cultura come medium di comunicazione, ha sperimentato varie forme di espressione artistica come il design, la decorazione d’ interni (suo è l’ allestimento del recente museo D’ Annunzio Segreto al Vittoriale degli italiani), e la grafica, realizzando numerose pubblicazioni, fra cataloghi d’arte e libri illustrati. Celebre fu “Libidine” (Mondadori), il libro gonfiabile di plastica ideato per Roberto D’Agostino, in cui trasformò un testo in un oggetto e un oggetto in un testo, preludio delle sue più recenti sperimentazioni scultoree sulle parole come un qualcosa che prende forma in vera e propria materia.

Nel 1981 si è trasferito a New York, dove è entrato in contatto con l’ambiente culturale newyorkese e ha lavorato a fianco di importanti artisti come Richard Poussete Dart, Arman, Arnaldo Pomodoro, Beverly Peppers o Larry Rivers. A New York è stato art director di Artforum International, la prestigiosa rivista d’ arte, collaboratore della nascente Mirabella Magazine, come anche curatore di diversi progetti, mostre ed allestimenti allestimenti (con la Marisa Del Re Gallery, di New York ha collaborato per la creazione e il lancio della Biennale di Scultura di Monte-Carlo).

Nel 1989, eletta come base Roma, si sposta nel mondo divedendosi tra il suo lavoro artistico e le sue attività di stimato e apprezzato curatore di mostre, eventi e progetti